Dolce di zucca, mandorle e noci

Da uno spicchio di zucca fresca fresca di mercato ecco un dolcetto adatto alla serata di Halloween.
Ma se alla mia porta suonano i bambini… come dolcetto darò caramelle e cioccolatini mentre questo dolcetto lo mangio io!!!



Per 6-8 persone
150 g farina
130 g di zucchero
2 uova
30 g di burro chiarificato
300 g zucca
50 g di mandorle
50 g di noci
1 bustina di lievito
1 pizzico di sale
zucchero a velo (per decorare)

Tagliate a fette la zucca, disponete le fette su una teglia foderata con carta da forno e cuocetela in forno per 30 minuto a 200°. Una volta cotta fatela raffreddare un po’, eliminate la buccia e frullatela.
Fate sciogliere il burro e tenetelo da parte. Tritate finemente le noci e le mandorle.
In una ciotola sbattete, usando una frusta elettrica, le uova con lo zucchero e il pizzico di sale.
Setacciate la farina e unitela alle uova, poi unite il burro e poi la purea di zucca. Amalgamate bene il tutto.
Setacciate e inserite il lievito e incorporatelo bene nell’impasto sempre sbattendo con la frusta, infine unite le mandorle e le noci. Versate il composto in uno stampo (io ho usato uno stampo da plumcake) e cuocete in forno a 180° per 40 minuti.

Nota: Se volete preparare dei muffin potete mettere lo stesso impasto nello stampo da muffin e cuocere a 180° per 25 minuti.

Pasticcio “semplice” di zucchine

Se volete dare alle vostre zucchine uno sprint di sapore in poche e semplici mosse allora vi consiglio questa facilissima ricetta. Il risultato è ottimo, il piatto è molto gustoso.



Per 4 persone
6 zucchine romanesche medie
30 g pangrattato
40 g parmigiano
3 sottilette
olio e.v.o.
sale

Lavate e mondate le zucchine poi tagliatele a fette non troppo spesse (circa 3 mm). Se le zucchine sono piccole potete affettarle anche nel senso della lunghezza altrimenti tagliatele a rotelle.
Ungete con un po’ d’olio il fondo di una teglia da forno e versateci sopra le zucchine. Mettete il sale, il parmigiano, il pangrattato e mescolate bene il tutto per far amalgamare bene le zucchine agli altri ingredienti.
Livellate la superficie delle zucchine e inserite la teglia in forno caldo a 180° per circa 20 minuti.
A cottura ultimata tagliate a strisce le sottilette e adagiatele sulla superficie delle zucchine distanziandole un poco. Rimettete in forno, anche ormai spento, per 2 minuti affinché le sottilette si squaglino.
Tagliate una porzione e servitele calde o tiepide.

Nota: Se preferite potete disporre le zucchine su delle piccole pirofile in formato monoporzione, così la presentazione del piatto sarà più accurata.

Dolce soffice di uva e mandorle

Ci sono alcuni tipi di frutta che non amo mangiare “al naturale” ma che invece mi piacciono all’interno dei dolci. Ad esempio l’uva. Ecco allora che approfitto della presenza, in casa, di un bel grappolo di uva bianca per preparare questo dolce.
Tra l’altro, oggi provo ad usare per la prima volta il burro chiarificato. E’ un burro lavorato e privato della sua parte più grassa e indigesta. Ne ho comprato una confezione e sono proprio curiosa di scoprirne la resa.
Se non ne avete potete sempre usare il burro normale, così come anche io ho sempre fatto finora. Il dolce verrà ugualmente bene.
Inoltre ho usato le mandorle sgusciate ma NON spellate. Per questa torta volevo accostare all’uva, dolce e carnosa, un sapore e una consistenza un po’ più ruvidi grazie proprio alle mandorle con la loro pellicina e tritate non troppo finemente.
Risultato? Il burro è fantastico! Se lo sciogliete vedrete che sembrerà di avere dell’olio… non c’è più la parte bianca e schiumosa. Per quanto riguarda le mandorle e l’uva, binomio azzeccato!
Insomma, volete sapere come è venuta questa torta?
Soffice, delicata, saporita, buonissima!




Per 8 persone
150 g di farina
100 g di zucchero
2 uova
80 g di burro chiarificato
50 g di mandorle sgusciate
mezza bustina di lievito
1 bel grappolo d’uva
1 pizzico di sale
(carta da forno)

Lavate l’uva, staccate i chicchi, tagliateli a metà e con un coltello appuntito togliete via i semi interni. (Io faccio questo “lavoro” perché a casa c’è qualcuno che non può mangiare i semini, ma se preferite potete anche lasciare i chicchi interi). Man mano che sistemate l’uva mettete i chicchi mondati in un recipiente poiché perderanno sicuramente un po’ del loro succo.
Tritate le mandorle non troppo finemente con il tritatutto per pochi secondi e tenete da parte.
Sciogliete il burro a fuoco dolcissimo in un pentolino e lasciate intiepidire un po’.
In un recipiente sbattete le uova con il pizzico di sale poi aggiungete lo zucchero. Per fare prima, per faticare di meno e per avere un composto ben amalgamato vi consiglio di usare uno sbattitore elettrico con la frusta. Setacciate la farina e aggiungetela all’impasto continuando a lavorare con la frusta. Poi unite il burro e infine il lievito. Quando il tutto sarà bel amalgamato inserite le mandorle tritate e mescolatele bene con un cucchiaio o una spatola.
Versate l’impasto in una teglia non troppo grande, livellate la superficie e disponete i chicchi d’uva premendoli un po’ sulla superficie. Nella cottura il dolce lieviterà e crescerà abbastanza tanto che l’uva alla fine si ritroverà all’interno della torta.
Cuocete per 30 minuti in forno già caldo a 180°.
Fate intiepidire o raffreddare prima di servirla.

27 ottobre: “Parmigiano Reggiano Night”

Vi piace il Parmigiano Reggiano?
Vi piacerebbe cucinare un piatto con il Parmigiano Reggiano come ingrediente protagonista?
Allora state a sentire a quale bella iniziativa potete partecipare anche voi.
Si tratta di una appuntamento che si terrà il 27 ottobre:

Parmigiano Reggiano Night

Potete cliccare sopra il link per scoprire, direttamente dal sito ufficiale, di cosa si tratta.
L’unica cosa che occorre, oltre il cucinare un piatto e fare una foto, è quella di essere iscritti a Facebook per poter condividere, mediante un’applicazione, il vostro piatto a base di Parmigiano.
Ovviamente l’iniziativa vuole essere un invito a non rinunciare a consumare il Parmigiano Reggiano e a sostenere, con l’acquisto del prodotto, i caseifici terremotati.
Non mi resta che augurarvi un buon divertimento “culinario” col Parmigiano Reggiano e sono certa che i vostri piatti saranno buoni di gusto e buoni di cuore!
A presto!

Valentina

Risotto con zucca e funghi

E’ tempo di zucca e quest’anno mi sono decisa a provare a cucinarla seriamente.
In passato ho fatto qualche tentativo non troppo convinto e i risultati sono stati deludenti, suppongo però più a causa della mia inesperienza culinaria che al sapore della zucca…
Mi sono decisa ad affrontare il classico risotto alla zucca ma ho voluto dare un tono in più di sapore aggiungendo qualche fungo champignon.
Sapete? Sono rimasta stupita io stessa: il risotto è venuto buonissimo!
E allora, per la zucca… HIP HIP HURRA’!



Per 2 persone
160 g di riso
350 g di zucca
4 funghi champignon
1 spicchio d’aglio
un po’ di cipolla
parmigiano grattugiato
brodo caldo
olio e.v.o.
sale
una noce di burro (per mantecare)

Tagliate la zucca a pezzi e mettetela a cuocere per circa 40 minuti nel forno sopra una teglia foderata con carta da forno. Togliete poi la zucca e fatela raffreddare un po’, quindi eliminate la buccia e le parti dure. Riducete in purea la polpa di zucca con un frullatore al immersione.
Aggiungete un filo d’olio, un po’ di sale e tenetela da parte.
Pulite bene i funghi champignon, tagliateli a pezzetti, metteteli in una padella con un po’ d’olio e uno spicchio d’aglio. Fate cuocere alcuni minuti coprendo i funghi con un coperchio.
Al termine della cottura togliete l’aglio e salate i funghi. Se sarà rimasto troppo liquido nella padella, togliete i funghi e conservate però l’acqua di cottura di questi per poterla usare nella cottura del riso.
Procedete ora a cuocere il riso: in una pentola mettete a stufare la cipolla tagliata finissima con un po’ d’olio, versate il riso e mescolate bene. Versate ora un po’ di brodo e procedete alla cottura del riso aggiungendo altro brodo ogni volta che il riso si asciuga. Se avete l’acqua di cottura dei funghi unite anche quella. A metà cottura del risotto unite la zucca frullata e continuate a mescolare. Regolate di sale il risotto. Poi aggiungete quasi tutti i funghi tenendone da parte un po’ per rifinire il piatto. Quando la cottura del riso è ultimata spegnete e mettete una noce di burro e una buona dose di parmigiano e mantecate bene. Chiudete con un coperchio e fate riposare qualche minuto. Poi mescolate ancora una volta e mettete il riso nei piatti. Mettete sopra il riso i funghi che avete conservato e gustatevi questo piccola sorpresa di bontà!

CONSIGLIA The Original New York Cheese Cake