Dolce di more al limoncello

Proprio qualche giorno fa parlavo di mettere il limoncello nei dolci, anzi, per la precisione: mettere il limoncello in dolci con frutta diversa dai limoni.
Detto, fatto!
Avevo un bel po’ di bellissime more grandi, mature e sode colte dalla fantastica piantina di zia (regalatale da me!!!) e ho pensato quindi di farne un dolce leggero e profumato. 🙂
Per il profumo, ecco lì, che mi sono affidata al limoncello-fatto-in-casa con la ricetta di mamma.
Posso quindi dire che è una torta uscita a 6 mani!!!  :-)))
Insomma, con tutta queste premesse il dolce non ha potuto fare altro che venire benissimo!
Le more dalla fotografia non si vedono perché sono ben incorporate all’interno, e non posso mostrarvi il taglio perché questa torta l’ho portata ad un incontro di amici e non avevo la possibilità di fotografarlo appena tagliato. Ma, immaginatelo con uno strato centrale bello succoso di more mature…fantastico! 🙂
Ovviamente agli assaggiatori è piaciuto moltissimo. 😉

Ingredienti

200 g di farina

120 g di zucchero (e un altro po’ per zuccherare le more)
70 g di olio di arachide
2 uova

2 bicchierini di limoncello
250 g circa di more

1 bustina di lievito
1 pizzico di sale(1 noce di burro e 1 cucchiaio di farina per la teglia)

Disponete le more ben pulite e asciutte in un piatto fondo e bagnatele con un bicchierino di limoncello.
Spargete un po’ di zucchero su un piano e poi rotolateci le more. 
In una ciotola sbattete le uova con lo zucchero e il sale. Unite anche l’olio e mescolate. Inserite la farina e poi il lievito setacciati. Infine unite il limoncello e amalgamatelo bene al composto.
Prendete una teglia imburrata e infarinata, versate l’impasto e livellate. Ricoprite con uno strato di more disponendole vicine l’una all’altra e premendole delicatamente, e in parte, nell’impasto.
Cuocete in forno caldo a 180° per circa 30 minuti.

Muffin ciocco-banana – LUGLIO

Non me ne voglia la mia amica Valeria, che ho fatti dei nuovi muffins senza averglieli ancora fatti assaggiare…
Carissima Valeria, perdonami!!! Prometto qui, davanti a tutti, di regalarti prima possibile qualche dolcissimo muffin fatto con le mie manine e con tutto il mio cuore! :-*  ðŸ™‚
Ora, però, devo prestare fede al consueto appuntamento del muffin del mese, capisci?  ðŸ˜‰
Tornando ai muffins… forse tutti voi vi aspettavate un muffin più… diciamo così… estivo!?
Ma io anche in estate ho voglia di mangiare la cioccolata. Anzi, non capisco proprio quelli che dicono che in estate non hanno tanta voglia di mangiare, o vogliono mangiare super-leggero… perchè fa caldo ecc.
Io mangio più in estate che in inverno! Sarò fatta strana io, boh 😛
Comunque… facciamo che sia cioccolata, ma senza esagerare (quindi solo un po’ di gocce) e con vicino qualcosa di più dolce e profumato (e cosa meglio della banana?).
Che odore delizioso che arriva!!! 😉

Per 6 muffins
100 g di farina
70 g di zucchero
45 g di  burro
40 g di gocce di cioccolato fondente
1 uovo
1 pizzico di sale
mezza banana
mezza bustina di lievito
un goccio di latte

Fate ammorbidire il burro a temperatura ambiente e poi montatelo con l’aiuto di una forchetta.
Incorporate al burro lo zucchero e il pizzico di sale lavorando bene.
Poi unite l’uovo e sbattete con una frusta elettrica.
Quando il composto è diventato liscio, omogeneo e spumoso aggiungete la farina setacciata ammorbidendo alla fine l’impasto con un goccio di latte.
Incorporate e sbattete anche il lievito, poi versate nell’impasto le gocce di cioccolato e la banana a pezzetti. Mescolate con un cucchiaio e riempiti a tre quarti gli stampini da muffins.
Cuocete in forno caldo a 180° per circa 20-25 minuti. Sfornate e fate raffreddare.

Cake alle ciliegie

In realtà il titolo di questo post potrebbe essere:

“Dolce da colazione con incidente”

Eh già, perché questo bel plum-cake ne ha subìto uno, di incidente.
Non gravissimo, ok, ma lo ha inevitabilmente lasciato segnato… 😛
Mentre armeggiavo con le presine al momento di controllare la cottura con lo stecchino, cercando di non bruciarmi col forno, è successo che la vaschetta del dolce mi sia scivolata dal ripiano del forno andando a sbattere (senza capovolgersi per fortuna sennò sai che disastro!!!) sullo sportello del forno aperto lì sotto.
Non era ancora del tutto cotto (e lo sapevo, ma volevo vedere a che punto era) e stava lievitando benissimo e poi… un volo di 25 cm circa, un tonfo e… POF!
E’ IMPLOSO!!!
Si vede anche dalle foto, uff! Che pizza, sennò sai come sarebbe stato più bello…
Vabbè, accontentiamoci che sia buono dentro…
Voi rifatelo pure ma senza voli ed incidenti di sorta, eh! 😉

Ingredienti
200 g di farina (io ho fatto 150 g farina 00 e 50 g farina grano saraceno)
150 g di zucchero
70 g di olio di semi
3 uova
un po’ di buone ciliegie
1 bustina di lievito
1 bustina di vanillina
1 pizzico di sale
In una ciotola sbattete le uova e poi – sempre sbattendo bene per amalgamare gli ingredienti – unite nell’ordine: lo zucchero, il sale, la vanillina, la farina setacciata, l’olio e infine il lievito.
Imburrate e infarinate lo stampo da plumcake, versatevi metà del composto, livellatelo e adagiatevi sopra metà delle ciliegie. Ricoprite con il resto dell’impasto e poi disponete sopra le ciliegie rimaste (il dolce cuocendo crescerà e le ingloberà all’interno).
Cuocere in forno caldo a 160°-170° per circa 50 minuti verificando la cottura con uno stecchino.

Nota 1: Se volete controllare la cottura di un dolce che lievita vi ricordo che non è il caso di aprire il forno prima che siano passati 30 minuti.

Nota 2: Potete sostituire alle ciliegie altri tipi di frutta, non troppo acquosa.

Pasta fredda al pesto di rucola

Ed eccolaaa!
La pasta fredda che mi sono dedicata ieri col mio bel pestuccio di rucolina!!! :-)))
Ho solo aggiunto qualche oliva e qualche pomodorino a pezzetti, una mantecatina e via.
Semplice, leggera ed equilibratissima nel gusto…ma che volete di più con ‘sto caldo???
Ora ve la lascio preparare, va’!
Buona domenica! 😉

Per 2 persone
180 g di mezze penne rigate
6-7 pomodori datterini
1 manciata di olive nere di Gaeta
pesto di rucola (vedi giù!)
olio e.v.o.
sale

Per il pesto di rucola
40 g di rucola
una manciata di pinoli
olio e.v.o. (di quello buono!)
qualche chicco di sale grosso

Preparate il pesto così: mettete in freezer per un po’ recipiente e lama del frullatore.
Lavate, pulite la rucola e asciugatela bene. In un pentolino tostate leggermente per qualche minuto i pinoli e fateli freddare. Inserite nel frullatore la rucola, i pinoli, qualche chicco di sale grosso e un po’ d’olio.
Frullate a scatti fino ad ottenere un composto piuttosto omogeneo e non troppo secco. In tal caso aggiungete un altro goccio d’olio, ma senza esagerare! Occorre aggiungere gradualmente affinché il pesto alla fine non sia troppo oleoso.

Mondate e tagliate a pezzetti i pomodorini, poi denocciolate le olive e tagliatele a pezzetti.
Cuocete la pasta in abbondante acqua salata e, ad un minuto dal termine della cottura, scolatela e passatela subito sotto l’acqua fredda.
Mettete la pasta ormai fredda in una ciotola, aggiungete il pesto e mescolate bene, poi unite anche i pomodori e le olive. Amalgamate bene il tutto, assaggiate ed aggiustate di olio e sale, se necessario.
Fate riposare un po’ e servite fresca.

Pesto di rucola (my love!)

Potrei drogarmi di rucola.
L’ho scoperto oggi, perché se inizio a mangiarla, non vorrei smettere, ecco!
Deve essere per forza amore… ahahah 😀
Allora ho pensato di provare a farne del pesto per condirci la pasta.
Ma appena fatto ed assaggiato, ho sentito che era così semplice, autentico e buono – oltre che bello! – che non ho resistito nell’attesa di preparare la pasta e l’ho fotografato, subito, lui, da solo, protagonista.
E gli ho dedicato questo post. 🙂
Spero piaccia anche a voi! 😉

Ingredienti (per la pasta per 2 persone)
40 g di rucola
una pugno di pinoli
olio e.v.o. (di quello buono)
qualche chicco di sale grosso

Mettete in freezer per un po’ recipiente e lama del frullatore.
Lavate, pulite la rucola e asciugatela bene.
In un pentolino tostate leggermente per qualche minuto i pinoli e fateli freddare.
Inserite nel frullatore la rucola, i pinoli, qualche chicco di sale grosso e un po’ d’olio.
Frullate a scatti fino ad ottenere un composto piuttosto omogeneo e non troppo secco. In tal caso aggiungete un altro goccio d’olio, ma senza esagerare! Occorre aggiungere gradualmente affinché il pesto alla fine non sia troppo oleoso.

CONSIGLIA Polpette di melanzana