Lavori in corso…

Ciao a tutti,
ieri ironizzavo sul fatto che avevo problemi con il pc per la visualizzazione delle foto.
Il problema continua e noto che, sistemando le immagini per inserirle nel blog, si nota al caricamento uno stravolgimento dei colori.
Spero di risolvere il problema il prima possibile per postare nuovamente le preparazioni accompagnate da belle fotografie.
Scusate… 🙁
e a presto!!!

Valentina

Torta di mele, elezioni e vecchi pc

Il post di oggi è molto strano, perché contiene dentro tante di quelle cose che però non si vedranno ché io non ho mica tanta voglia di mettermi a spiegare adesso, forse perché sono felice e voglio godermi il momento così! 😉
Sappiate solo che, con una torta di mele per colazione, si può votare meglio e poi non fatevi ingannare dai colori psichedelici che vedete nella foto qui sotto!
…perchè io li vedo i colori psichedelici, voi no?!
Ma non è colpa mia, giuro.
E’ che ho solo un pc vecchio vecchiotto, ormai, che sembra abbia deciso, qui e sul programma di gestione delle immagini, di visualizzare una medesima foto con colori diversi.
Mentre di là questa torta e la tovaglietta – con tanto di piegolina distratta – hanno colori lievi e naturali, qui sono un po’ a palla!
Vai a capire perché…
Forse si è offeso per via della piegolina, che non doveva proprio starci, ma quando si fotografa alle 8:27 per stare alle 8:30 a 200m fuori di casa (con la medesima torta in mano tutta bella incartata e nella borsa caffè e latte caldi) allora le piegoline sono il minimo che possano capitare.
E pure le foto psichedeliche.
Sapete però qual è la cosa più importante?
Che la torta è andata a ruba in una colazione davvero speciale, e questo per oggi mi basta!
🙂
Buona domenica!

Ingredienti (stampo 28 cm)
250 g di farina
125 g di zucchero
125 g di burro
3 uova
3 mele grandi
1 limone
1 bicchierino di rum bianco
2-3 cucchiai di zucchero di canna
1 bustina di lievito
1 bustina di vanillina
1 pizzico di sale

Sciogliete il burro e fatelo intiepidire. Tagliate a spicchi le mele e sbucciatele privandole del torsolo. Ricavate dallo spicchio tanti spicchietti dello spessore di meno di un centimetro. Irroratele con succo di limone per non farle annerire e tenete da parte.
In una ciotola capiente e fonda mettete le uova, lo zucchero semolato e il pizzico di sale e sbattete con la frusta, poi unite parte della farina setacciata. Quindi versate il burro e sbattete ancora.
Unire la restante farina setacciata, la vanillina, poi il rum e infine il lievito.
Quando il composto è liscio e ben amalgamato versatelo in una teglia a cerniera imburrata e infarinata.
Cuocete in forno a caldo a 180° per circa 50 minuti.

Muffin carote & mandorle – SETTEMBRE

Sono in ritardo, lo so!
In questo periodo ho solo fatto dolci da dedicare a situazioni esterne a casa mia, con grande disappunto di mia madre che continua a dire: “In casa i nostra i dolci noi li vediamo solo passare!”.
E con i numerosissimi impegni di questo settembre carico di promesse e sorprese – un po’ di tutti i tipi – sono arrivata a fine mese senza aver fatto i muffins!
Da tempo avevo deciso di cimentarmi in muffins con mandorle e carote ma non avevo mica pensato alla ricetta precisa… Ho appena provato a rimediare in fretta e furia mancando pochissimo allo scadere del mese e questo è il risultato.
Dolcetto, semplice, rustico, poco dolce e senza burro, direi che va benone allora, così come peccatuccio di gola è proprio piccolo piccolo.
Comunque ho notato una cosa… è più buono mangiato il giorno dopo, come se, riposando, il muffin legasse di più i sapori.
Solo non sono soddisfatta della foto ma nella frettissima le cose non possono riuscire sempre bene, no?
Ho scattato di sera, al chiuso sotto una bruttissima luce artificiale che non mi ha permesso di tirare fuori di meglio. Eh vabbè… accontentiamoci, va’! 😉

Ingredienti per 8 muffins
100 g di farina (io ho fatto 50 g di farina 00 e 50 g di farina di grano saraceno)
80 g di zucchero
60 g di mandorle
70 g di olio
3 carote
2 uovo
mezza bustina di lievito
1 pizzico di sale

Nel robot da cucina tritate molto finemente le mandorle e tenetele da parte. Frullate anche le carote senza far rimanere pezzettini più grandi. Sbattete con la frusta le uova insieme allo zucchero e il sale, poi unite l’olio. Gradualmente aggiungete la farina setacciata (o le farine) e il lievito continuando a sbattere con la frusta. Quando il composto è bel amalgamato unite le carote e le mandorle e incorporatele mescolando con un cucchiaio. Versate il composto negli stampi da muffins e cuocete in forno caldo a 180° per circa 50 minuti.

Crostata di prugne e nocciole

Non commentiamo la foto di quest post, per favore, perché non è una foto da blog… lo so!
E’ solo un accenno piccolino a quello che la ricetta rappresenta. 😉
La verità è che questa crostata (che nella foto si mostra ancora cruda) l’ho fatta per una occasione particolare: per la cena della Festa Patronale del mio quartiere.
E l’ho fatta così tanto all’ultimo minuto che poi, nella fretta di impacchettarla e consegnarla, ho dimenticato completamente di dargli una presentazione fotografica un po’ di accattivante.
Ma sul gusto non ho avuto dubbi!
Già in cottura si capiva che ne sarebbe uscita una vera bontà con quel profumino inebriante delle nocciole che ti tostano e del burro che sa avvolgerti i sensi.
Un interessante binomio le prugne della confettura con le nocciole tritate nella frolla, da provare.
A me è piaciuta moltissimo e anche ad alcuni assaggiatori, direi…quasi ufficiali!
🙂

Ingredienti (stampo di diametro 28 cm)
400 g di farina
200 g di burro
130 g di zucchero
1 uovo grande (oppure 1 uovo medio più 1 tuorlo)
100 g di nocciole già sgusciate 
confettura di prugne
un po’ di scorza grattugiata di limone
1 pizzico di sale


Tritate le nocciole al coltello oppure usando il robot da cucina azionato e scatti intervallati affinché le nocciole non si frullino troppo finemente.
Preparate una pasta frolla classica e quando questa è pronta cospargetela di nocciole tritate.
Amalgamate velocemente per far entrare le nocciole nell’impasto. Date forma alla frolla e componete la crostata.
Fate riposare almeno 30 minuti in frigorifero poi cuocete a 180° per 40 minuti.
Fate raffreddare bene la crostata prima di servirla.

W la parmigiana di melanzane

Carissimi,
qui la vita corre sempre più in fretta e io mi accorgo che, soprattutto in certi periodi, fatico a stargli dietro!
Sarà l’età che avanza e il fisico che non c’ho più tanto… 😛
E’ che, dopo le vacanze, il lavoro e gli impegni sono tornati a valanga. O forse non ancora del tutto, in realtà, ma, con la voglia che ancora c’è di stare a zonzo per godersi gli ultimi bei pomeriggi di sole, vedo che mi manca sempre il tempo per cucinare quello che voglio, per mangiare come dico io, per fotografare in santa pace e per scrivere decentemente qualche nuovo post.
Per di più nell’urgenza di realizzare qualche preparazione davvero sfiziosa, golosa, bella o invitante, combino solo pasticci… Sono tre giorni che cucino ma i piatti non vengono presentabili come dovrebbero…
Non so, sono diventata sbadata? – povera me! 🙁 – o forse sono solo emozionata (come già vi dicevo) e mi tremano le mani e dopo che ho impiattato dico:
No, Vale, questo non è bello neanche se lo fotografa chissà chi!“.
Allora passo la mano, non fotografo, mi siedo e mangio triste anche se poi il piatto è buonissimo. 🙁
Ma non è il caso di perdersi d’animo!
Ho capito che mi serve calma e sangue freddo (come cantava qualcuno, ma meglio non ricordare…) e qualche piccola pianificazione. Giusto per darsi scadenze precise, ragionevoli e magari per trovare anche un qualche piccolissimo aiuto tecnico…
Non svelo di più per ora, vi lascio solo le mie melanzane alla parmigiana stra-buonissime come solo loro possono essere!!! 😉
E meno male che nelle foto niente ammuffisce perché questa foto risale a luglio! 😛
A presto e godetevi le ultimissime melanzane che si trovano in giro dedicandovi una bella parmigiana!!!
Ciao! 🙂

Ingredienti per 2 persone
2-3 melanzane scure
sale grosso
200 g circa di mozzarella
parmigiano grattugiato a volontà!
farina q.b.
olio di semi q.b.

…per il sugo di pomodoro
300 g di pomodori pelati
cipolla
carota
sedano
olio e.v.o.
sale

Preparate il sugo di pomodoro con un trito di sedano, carota e cipolla, un po’ d’olio e una presa di sale.
Quando è cotto fatelo raffreddare.
Lavate bene le melanzane e mondatele. Tagliatele a fette spesse 1 cm e cospargetele di sale grosso mettendole a riposare per almeno 1 ora in un recipiente forato (tipo scolapasta) con un peso sopra, affinchè perdano un po’ del sapore forte (se però avete delle melanzane molto buone e dolci potete anche saltare questo passaggio). Al termine del tempo di posa sciacquate bene tutte le fette di melanzane sotto l’acqua corrente e asciugatele.
Infarinate le fette e friggetele in una padella con olio di semi ben caldo girandole una volta.
Fate scolare su carta assorbente o carta paglia per togliere l’olio in eccesso.
Tagliate a fette la mozzarella e fate scolare le fettine perché perdano il siero in eccesso.
Prendete una teglia e cospargete il fondo con un sottile strato di pomodoro. Adagiate le fette di melanzane affiancandole fino a coprire bene tutta la superficie.
Ricoprite con altro sugo, poi mettete le fette di mozzarella e abbondante parmigiano, poi proseguite con un altro strato di melanzane, sugo di pomodoro, mozzarella e parmigiano ecc. fino a terminare le melanzane.
Infornate a 180°-200° per 15-20 minuti.

CONSIGLIA Salmone in crosta di mandorle e pistacchi