Dolce ai pinoli

Quando non si ha tempo e si corre tutti giorni dalla mattina alla sera, la calma per cucinare e dedicarsi in santa pace qualcosa di particolarmente buono, molto spesso viene a mancare. In questi periodi niente ristora di più di un dolcetto semplice con cui fermarsi magari il sabato o la domenica mattina.

(altro…)

Ciambella ai mandarini

La primavera quest’anno proprio non vuole saperne di arrivare. A casa ci sono residui d’inverno ovunque. Tazze di tè bollente, golfini, plaid di pile e mandarini che, ormai un po’ vecchiotti, devo decidermi a far sparire. Niente di meglio allora di utilizzarli per un dolce soffice soffice in cui utilizzare sia la buccia che il succo.

(altro…)

Dolce di mele, noci e uvetta

Abbiamo salutato l’inverno da qualche giorno e le temperature miti ce lo fanno sembrare ormai lontano, eppure credo che qualcuno di noi abbia ancora in giro per casa qualche frutto della stagione fredda, ad esempio qualche noce o delle mele. Se poi sono le mele di Val Venosta, allora questa è l’occasione giusta per un dolce di quelli veloci, semplici ma allo steso tempo buonissimo, in qualsiasi periodo dell’anno!

(altro…)

Muffin con pere e cioccolato

muffin-peraciock

Quando volete farmi felice offritemi un muffin.
E’ un dolcetto che adoro perché racchiude in sé tutta l’anima di un’intera torta. E’ così piccolo ma così completo! Nei primi anni di Appetitosando sfornavo muffin molto spesso, variando di volta in volta dosaggi e ingredienti. Ho (Ahimè! E chissà perché…) perso questa abitudine ma le buone abitudini vanno assolutamente recuperate!!!

(altro…)

Pasta, pistacchi e prosciutto crudo croccante… e l’elogio della pazienza

Quando bisogna ripartire, dopo un periodo di critico stop, si pensa sempre che sia necessario farlo in grande stile. Già altre volte mi sono trovata in una situazione simile scontrandomi con la sensazione di non essere all’altezza di ciò che desideravo fare, questo però non mi ha di certo messo al riparo da ulteriori fallimenti. Ho capito infatti che non serve a niente giudicare troppo severamente se stessi per quel che è stato e per quello che non si è fatto. L’unica scelta più saggia che si possa fare in questa vita è quella di avere pazienza, specialmente verso i propri limiti e le proprie umanissime debolezze. Per questo oggi ho deciso di tentare di riaprire questa pagina senza guardare troppo indietro e senza mettermi a fare bilanci.
Sono qui, adesso. Questo basta. Almeno a me.

“La pazienza è la più eroica delle virtù,
giusto perché non ha nessuna apparenza d’eroico.”
(G. Leopardi)

(altro…)

CONSIGLIA Frullato energetico