Torta ai 3 frutti (nascosti) …e buon compleanno! :)

Un po’ di giorni fa ho festeggiato due compleanni importanti: il mio e quello di Appetitosando! 🙂
Per l’occasione volevo un dolce speciale, una torta buona, bella, importante! Perciò mi sono messa a girare per librerie alla ricerca di un qualche bel libro di ricette di torte ché io a casa avevo più che altro libretti su dolci rustici, casalinghi, tutti buonissimi, sì, ma non molto adatti ad un festeggiamento con le candeline. 😉

Ovviamente, l’altro requisito indispensabile era che fossero ricette facili o mediamente facili, poiché non avrei avuto il tempo di fare una prova e non potevo permettermi di preparare una torta difficile con il rischio di non ottenere un buon risultato.
Dopo tanto cercare, la mia scelta è caduta sul libro Torte e cupcake di Marina Neri edito da Gribaudo.
E’ un libro mooolto carino, illustrato, non tanto grande, ma con parecchie ricette, belle, interessanti e fattibili!!! 🙂 Una volta scelta la torta però, sono passata a rielaborane un po’ la ricetta… eh sì, perché, come spesso mi capita, di fronte ad una ricetta mi prende la smania di fare sempre qualche aggiustamento, come se sentissi che quella preparazione è per me un abito che può calzarmi a pennello solo con qualche giusto e lieve ritocchino, ecco! 😉 Per dirvi, quindi, che quella che vedete qui sotto non è identica alla ricetta originale ma ha, appunto, subìto alcune modifiche, principalmente nelle dimensioni e nel ripieno (per capirci l’originale ha 4 livelli e ha la panna all’interno, io invece l’ho fatta a 3 livelli, con la crema pasticcera e la bagna…).
Tralasciando le mie strane manìe vi consiglio, in caso vi servisse una qualche bella idea per un dolce, di dare un’occhiatina al libro. 😉

Il dolce non è difficile da fare ma la preparazione è indubbiamente un po’ lunga. Mi piace molto come torta da usare nel periodo estivo poiché ha il tocco goloso del cioccolato (ma non troppo) e ha la freschezza, la dolcezza e il profumo della frutta all’interno (banane, ananas e lamponi).
Una vera scoperta, una vera delizia! 😉

Ingredienti per la base della torta
300 g di farina
200 g di zucchero
120 g di burro morbido
125 g di yogurt alla banana
200 g di banane mature sbucciate
2 uova grandi
1 bustina di lievito per dolci
mezzo cucchiaino di bicarbonato
1 bustina di vanillina
1 pizzico di sale

In una ciotola mescolate la farina, lo zucchero, il sale, il lievito e il bicarbonato, mescolate e poi unite le uova, lo yogurt, le banane precedentemente schiacciate, la vanillina e il burro morbido. Amalgamate il tutto con l’aiuto di una frusta elettrica. (Io ho incorporato gli ingredienti molli uno alla volta).
Versate il composto in una teglia antiaderente ben rivestita con carta-forno (ideale sarebbe uno stampo apribile), cuocete in forno ben caldo a 180° per 20-30 minuti fino a quando la superficie sarà dorata. Controllate la cottura inserendo uno stecchino di legno che dovrà uscire asciutto. Se si scurisce troppo abbassate la temperatura a 160°. Quando è cotta togliete dal forno, fate intiepidire un po’, togliete la base dallo stampo e fate freddare bene su una gratella. Quando sarà ben freddo tagliate la torta orizzontalmente ricavandone 3 dischi.

Ingredienti per la farcitura
4 tuorli
500 ml di latte
120 g di zucchero
40 g di farina

1 stecca di vaniglia
250 g di ananas in scatola senza zucchero
200 g di lamponi freschi
150 g di noci sgusciate e tritate grossolanamente
un po’ di sciroppo di acqua e zucchero

Preparate la crema pasticcera con la ricetta che trovate qui. Fatela raffreddare bene prima di farcire la torta.
Fate scolare l’ananas e tagliatela a pezzettini, conservando il succo. Pulite delicatamente i lamponi, tagliateli a metà e un po’ di questi (circa 80 g) passateli al passa-verdure per ricavarne polpa e succo ed eliminare i semini. Aggiungete a questa purea di lamponi alcuni cucchiai di sciroppo.
Adagiate la base della torta su un foglio di carta forno (vi sarà utile per spostarla dopo averla farcita), bagnate un po’ il disco di pasta con il succo d’ananas, ricoprite con uno strato di crema e poi uno strato di ananas a pezzetti. Coprite con disco centrale di pasta e premete bene ma delicatamente con i palmi delle mani, su tutta la superficie. Bagnate con il succo di lamponi tutta lo strato, poi ricoprite con la crema e adagiatevi sopra i lamponi tagliati a metà. Coprite con l’ultimo strato di torta e premete per far aderire bene i livelli della torta. Mettete in frigorifero per un’ora.

Ingredienti per la ricopertura
350 g di cioccolato fondente
70 g di burro morbido
130 g di yogurt naturale non zuccherato
250 g di zucchero a velo
cacao in polvere q.b.

Togliete il dolce dal frigorifero. Tagliate il cioccolato a pezzi e scioglietelo a bagnomaria, facendo attenzione a non far arrivare a ebollizione l’acqua. Quando il cioccolato è tutto ben sciolto, spegnete la fiamma, unite il burro ben morbido e mescolate facendo intiepidire il tutto per qualche minuto. Unite lo yogurt continuando a mescolare, quindi lo zucchero a velo setacciato. Dovrete ottenere una crema morbida. Ricoprite tutto il dolce con la crema di cioccolato aiutandovi con una spatola per livellare bene la superficie superiore e quella laterale. Fate aderire al bordo laterale le noci tritate e guarnite la superficie con una spolverata di cacao in polvere. Tenete in frigorifero un’oretta poi tenetela un po’ a temperatura ambiente prima di servirla. (Se usate la panna invece sarà il caso di tenerla in frigorifero per tutto il tempo).

Buona Pasqua!

Senza categoria | 20 aprile 2014 | By

🙂

Ciambella al cocco per un San Valentino alternativo ;)

Domani è il mio onomastico.
Sì, è San Valentino, ok, ed è il mio onomastico!
Puntualizzo perché tutti si ricordano di San Valentino (sempre!) ma pochissime persone lo associano al mio onomastico… 😛
E che vuoi fare? Lo capisco, eh!
Mica dico questo per far polemica… è talmente grande il lavaggio del cervello che ci fanno in tv, sui giornali, dalle vetrine dei negozi e in ogni dove con cuori rossi, rosa, soffici, al cioccolato o tutti sbrilluccicosi e con frasi d’amore sdolcinatissime che poi come fai a ricordarti dell’onomastico di qualche disgraziata/o che porta il nome di codesto santo!?
Me lo dimentico persino io! 🙁
Che poi voi lo sapete perchè ‘sto Valentino qui è diventato santo? Eheheh…
Vabbè, tornando al post, vi dico che il motivo per cui scrivo queste righe oggi è per evitare la folle scena di domani: “Ommaèvveroscusaèiltuoonomasticoooo!!!”
Quindi vi avviso per tempo e vi dico che, siccome dalle mie parti si dice che  “il Santo paga“, sappiate che domani offrirò qualcosa.
Qualcosa di buono e opera delle mie manine, ovviamente! 😉
Capite che dopo questo annuncio mi toccherà lavorare parecchio per avere qualcosa da offrire a tutta la gente (familiari, amici e colleghi) che incontrerò domani… Mi sono proposta quindi di fare qualche dolcetto semplice da condividere. Allora parto con questa ciambella al cocco e cioccolato che va un po’ in controtendenza rispetto ai dolci “sanvalentiniani” che tutti vi propinano.
Intendo dire che qui gli imperativi sono: poco cioccolato, poco zucchero, pochi grassi!!!
Per un San Valentino alternativo, direi. 😉

P.S: Al di là di tutto questo però auguro un buon San Valentino a tutti, a tutte le coppie, gli innamorati e anche agli sfigati in amore. Ma, in particolare, tanti auguri di buon onomastico a tutti quelli che si chiamano come me! 😉

Ingredienti
150 g di farina 00
130 g di zucchero semolato
4 uova
150 g di cocco disidratato
80 (max 100) g di cioccolato fondente in gocce o a pezzetti
80 g di olio di semi
10 g di lievito
mezzo bicchierino di rum
1 pizzico di fior di sale

In una ciotola sbattete con le fruste elettriche le uova con il sale facendole diventare spumose e chiare.
Poi, continuando a sbattere con la frusta in modo da incorporare bene ogni ingrediente nell’impasto prima di inserire il successivo, unite lo zucchero, l’olio, il rum, la farina setacciata, il lievito setacciato e il cocco.
Infine unite il cioccolato e mescolatelo con una spatola. Versate in uno stampo (a ciambella o di altra forma) antiaderente o in silicone o con carta da forno e cuocete a 180° per 30 minuti. A cottura ultimata, spegnete il forno e lasciate il dolce all’interno con lo sportello aperto per qualche minuto. Poi sformate su un piatto e fate raffreddare bene. Cospargete con zucchero a velo.

Nota1: Se volete rendere più goloso il dolce potete aumentare la dose del cocco e del cioccolato e per strafare (penso ai bambini…) spalmate sopra il dolce, quando è freddo, un po’ di cioccolato e ricoprite con altro cocco.

Nota2: Questo dolce è un vero ciambellone al cocco, un po’ asciutto ma non secco. Tuttavia, se volete un dolce più umido e con un sapore di cocco più deciso diminuite la quantità di farina e aumentate quella del cocco. 😉

Torta improvvisata: cioccolato e nocciole per un dolce compleanno!!!

Questo è un post più veloce della luce!!!
Oggi è il compleanno di una cara e giovane amica ed ecco qui che, appena sono tornata dal lavoro, ho deciso di prepararle una torta per l’occasione.
Detto.
Fatto.
Fotografato al volo!
Il profumo è inebriante, davvero.
Spero sia buonissima!!! (Vi farò sapere…)
Ora vi saluto che devo andare da Benedetta… AUGURIIIII!!!!

Per la base (tortiera 24 cm di diametro)
5 uova
120 g di farina (potete usare anche 80 g di farina e 40 g di fecola)
100 g di nocciole sgusciate
40 g di cacao amaro in polvere
150 g di zucchero (se vi piace poco dolce altrimenti mettetene un pochino in più)
150 g di burro
1 bustina di lievito
1 pizzico di sale


Per la decorazione
100 g di cioccolato fondente
1 noce di burro


Tritate finemente col mixer metà delle nocciole, l’altra metà tritatele grossolanamente al coltello e tenete da parte.
Separate i tuorli dagli albumi di 3 sole uova e, con le fruste elettriche montate a neve gli albumi con un pizzico di sale.
Dentro una ciotola lavorate con una forchetta il burro ammorbidito a temperatura ambiente. Quando è diventato una crema unite lo zucchero e continuate a lavorare.
Aggiungete le 2 uova intere e i 3 tuorli e amalgamate bene l’impasto che dovrà sempre mantenere la consistenza di una soffice crema.
Ora incorporate la farina setacciata, il lievito setacciato e il cacao setacciato mescolando bene l’impasto. Infine unite gli albumi montati mescolandoli con movimenti circolari dal basso verso l’alto. Infine aggiungete le nocciole e continuate a mescolare delicatamente per incorporarle.
Versate il tutto in una tortiera imburrata e infarinata e cuocete a 180°C per 20 minuti e poi a 160°C per altri 10 minuti. Estraete dal forno e dalla teglia.
Fate intiepidire poi sciogliete il cioccolato a bagnomaria col burro e decorate la superficie della torta.

Per una variante ancora più golosa
Prima di decorare il dolce, fatelo raffreddare bene, poi tagliatelo a metà orizzontalmente ottenendo due strati e farcite l’interno con una crema di cioccolato.

Per la crema al cioccolato
100 g di cioccolato fondente
50 ml di panna

Grattugiate il cioccolato. In un pentolino portate a ebollizione la panna senza però farla bollire. Toglietela dal fuoco e aggiungete il cioccolato tritato mescolando bene. Lasciate intiepidire poi farcite il dolce richiudendo bene con lo strato superiore. Decorate poi la superficie della torta.

——–

E dopo l’assaggio posso confermarvi che era BUONISSIMA!

Torta arancia & cioccolato

E se mi parlate di matrimoni azzeccati, in ambito culinario, io continuerò a ripetervi: arancia e cioccolato!
Non c’è niente da fare… continuo a pensare che sia un’accoppiata perfetta.
Oltre alla crostata di cui vi ho parlato vari mesi fa, oggi aggiungo volentieri alla “top ten dei miei dolci preferiti questa torta strepitosa!
Non è poi neanche così difficile come voleva farmi credere la ricetta e anzi, con un pizzico di intuito, ho apportato qualche modifica che ritengo di aver azzeccato alla grande. 😉
Vabbè, basta vantarsi ora 😛 piuttosto prendete carta e penna e trascrivete il tutto perché questa torta s’ha proprio da fare!!!

Per la base della torta (per stampo 24 cm di diametro)
270 g di farina
180 g di zucchero semolato
4 uova medie
2 arance (*possibilmente non trattate)
35 ml di olio e.v.o.
1 bustina di lievito per dolci
1 pizzico di sale
(1 noce di burro e un po’ di farina per la teglia)


Per farcitura e ricopertura
200 g di marmellata di arance
1 bicchierino di liquore all’arancia
200 g di cioccolato fondente
25 g di burro

Preparate la base della torta
Separate i tuorli dagli albumi e, con l’aiuto delle fruste elettriche, montate a neve ben ferma gli albumi, insieme a un pizzico di sale.
Sbattete i tuorli con lo zucchero fino a ottenere un composto chiaro e spumoso.
(*Se avete arance non trattate, lavatele accuratamente poi grattugiate la buccia.)
Spremete il succo delle arance.
Unire l’olio, il succo delle arance spremute (*la scorza grattugiata) e mescolate bene.
Unite la farina setacciata e mescolate facendo in modo da non formare grumi.
Aggiungete il lievito, anch’esso setacciato, e incorporatelo nell’impasto sbattendo bene.
Infine unite gli albumi già montati mescolando delicatamente con una paletta e facendo movimenti dal basso verso l’alto cercando di non smontare l’impasto.
Versate in una tortiera, precedentemente imburrata a e infarinata, e cuocete in forno già caldo a 180° per 40-45 minuti circa (per controllare la cottura fate la prova dello stecchino).
Quando il dolce è cotto toglietelo dal forno e fatelo raffreddare bene, poi estraetelo dalla teglia capovolgendolo su un piatto e lasciando la base inferiore del dolce rivolta verso l’alto.
Montate la torta
Quando la base del dolce è ben fredda tagliatela orizzontalmente in tre strati.
In un pentolino scaldate delicatamente la marmellata di arance per renderla più fluida.
Irrorate la base inferiore del dolce con parte del liquore e ricoprite tutta la base con metà della marmellata. Sovrapponete lo strato centrale, bagnate anche questo col liquore e ricoprite con la restante marmellata, infine richiudete il dolce con l’ultimo strato. Premete delicatamente per far aderire bene gli strati.
Sciogliete a bagnomaria il cioccolato col burro, versatelo sulla torta e, con l’aiuto di una spatola, stendete per ricoprire tutta la torta lasciando colare lateralmente il cioccolato e ricoprire anche il bordo esterno. Mettete la torta in frigorifero un’ora per far solidificare la glassa.
Estraetela dal frigo e fatela intiepidire. Servitela a temperatura ambiente.

CONSIGLIA Salmone in crosta di mandorle e pistacchi