La vignarola di casa mia

 vignarola
 
Il bello di quando si cresce è che si modificano piano piano anche i nostri gusti e le nostre preferenze riguardo i cibi. Di sicuro io, crescendo, ho imparato a mangiare con gioia le verdure!

(altro…)

Tè lime e basilico… per rinfrescarsi a Ferragosto

Miei cari,
oggi è Ferragosto e vi scrivo brevemente solo per farvi tanti auguri per un Ferragosto bello, sereno, soleggiato, caldo e… rinfrescato! Da un buon tè freddo casaligno e dissetante. 😉

Auguri!

Ingredienti
1 litro d’acqua
5 bustine di tè
2 lime
8 belle foglie di basilico
zucchero q.b.

Preparate il tè mettendo in infusione le bustine nell’acqua bollente per alcuni minuti, poi togliete le bustine. Zuccherate il tè a piacere, versatevi il succo di un lime più qualche fetta intera e le foglie di basilico e fate stare in infusione per un’ora. Rimuovete il lime e il basilico, fate raffreddare del tutto tenendo coperto, poi mettete in frigorifero per alcune ore. Servite ben freddo per dissetarvi gusto! 

Pasta con ricotta salata

Io questa pastasciuttina la chiamerei “ricordo d’estate”.
Perché c’è il pomodoro buono di una conserva genuina, perché c’è il basilico anche se non così in forma come nel periodo estivo, perché è uno di quei piatti che si preparano in un battibaleno e perché ha l’allegria del sole (nonostante le attuali e gelidissime giornate) soprattutto se servito in un bel piattino colorato. :-)))
E allora oggi è così, che per riscaldarmi un po’ fuori e dentro ripenso alla bella estate passata.
Buoni e caldi ricordi anche a voi!
😉

Per 4 persone
400 g di paccheri (o schiaffoni)
350 g circa di pomodori pelati
150 g circa di ricotta salata
1 spicchio d’aglio
foglie di basilico q.b.
olio e.v.o.
sale q.b.

Grattugiate la ricotta salata con una grattugia a forellini medi. Pulite il basilisco e spezzettatelo.
Passate i pomodori al passa-pomodoro o schiacciateli con una forchetta e cuocete in una padella con un po’ d’olio, lo spicchio d’aglio e il basilisco. Salate e fate cuocere. Appena è cotto spegnete la fiamma e mettete parte della ricotta nel sugo, mescolate e lasciate riposare coperto.
Cuocete i paccheri in abbondante acqua bollente salata mescolandoli delicatamente affinché non si attacchino, ma stando attenti a non romperli.
Quando la pasta è al dente scolatela e ripassatela nella padella con il condimento a fuoco medio.
Impiattate e aggiungete sopra una manciatina della ricotta rimasta.

Pesto di rucola (my love!)

Potrei drogarmi di rucola.
L’ho scoperto oggi, perché se inizio a mangiarla, non vorrei smettere, ecco!
Deve essere per forza amore… ahahah 😀
Allora ho pensato di provare a farne del pesto per condirci la pasta.
Ma appena fatto ed assaggiato, ho sentito che era così semplice, autentico e buono – oltre che bello! – che non ho resistito nell’attesa di preparare la pasta e l’ho fotografato, subito, lui, da solo, protagonista.
E gli ho dedicato questo post. 🙂
Spero piaccia anche a voi! 😉

Ingredienti (per la pasta per 2 persone)
40 g di rucola
una pugno di pinoli
olio e.v.o. (di quello buono)
qualche chicco di sale grosso

Mettete in freezer per un po’ recipiente e lama del frullatore.
Lavate, pulite la rucola e asciugatela bene.
In un pentolino tostate leggermente per qualche minuto i pinoli e fateli freddare.
Inserite nel frullatore la rucola, i pinoli, qualche chicco di sale grosso e un po’ d’olio.
Frullate a scatti fino ad ottenere un composto piuttosto omogeneo e non troppo secco. In tal caso aggiungete un altro goccio d’olio, ma senza esagerare! Occorre aggiungere gradualmente affinché il pesto alla fine non sia troppo oleoso.

Salsa verde (un vero jolly!)

Ecco il condimento “alternativo” del mio girello di vitella, quello per la 2° versione! 🙂
Alternativo per modo di dire, ok, perché in fondo la salsa verde è una salsa piuttosto tradizionale.
Mio padre la prepara sempre nel periodo estivo e la usa per condirci le uova sode e i pomodori tagliati a metà.
Dovendo trovare una valida alternativa alla salsa tonnata (arriverà prestoooo!), che è fatta con la maionese – e in famiglia non piace a tutti – ho pensato ad una salsa più semplice e rustica.
Beh, nella sua semplicità si è rivelata perfetta per accompagnare la carne di vitella fredda.
Ora vi trascrivo la ricetta ma le dosi sono un po’…approssimative, mica per neglicenza dello chef, eh, sia chiaro! 😛 Ma perché poi va assaggiata e corretta nel caso servisse di bilanciare ed equilibrare meglio i sapori cosicché uno non domini sull’altro, oppure sì… secondo i vostri gusti. 😉

Ingredienti
Olive verdi denocciolate (3 manciate…)
prezzemolo (meno delle olive)
capperi (un cucchiaio…)
acciughe (giusto un po’, 2 o 3…)
2 cucchiai di aceto
olio q.b.


Lavare bene e asciugare il prezzemolo, sgocciolare le olive e i capperi (se avete i capperi sotto sale allora dissalateli sotto l’acqua e asciugateli con un foglio ci carta assorbente). Passare nel macina-tutto questi ingredienti aggiungendo anche le acciughe.
Potete anche usare il frullatore ma la salsa risulterà più liscia. Secondo me è più buona con un po’ più di consistenza dei suoi ingredienti, ma anche su questo scegliete come più vi piace.
Aggiungete poi un cucchiaio o due di aceto e mescolate (assaggiate per capire quanto ne gradite!)
Non serve il sale!
Adagiate le fette di carne su un piatto e versateci sopra un cucchiaio di salsa.
Potete poi conservare per svariati giorni la salsa verde in frigorifero all’interno di un barattolo di vetro assicurandovi di coprire completamente la superficie con dell’olio e.v.o.

CONSIGLIA Polpette di melanzana