Fettuccine alla vignarola

fettuccine alla vignarola
 
La pasta fresca è una preparazione che mi ha sempre affascinata, sin da bambina. Vedevo mia nonna preparare uova e uova di pasta fresca e stenderla con estrema maestria a colpi di mattarello in una sfoglia sottile, omogenea, perfettamente rotonda. Questa poi veniva distesa sul letto grande ad asciugare un po’, adagiata su una tovaglia pulitissima, in attesa di essere tagliata. Il taglio era il momento che mi coinvolgeva di più: mi mettevo seduta vicinissima al tavolo ad osservare concentrata quanto mia nonna fosse veloce e sicura nel ricavare delle fettuccine tutte dello stesso spessore a suon di regolari “zac-zac-zac” di coltello (anzi, di “coltella“, come la chiamava lei) sulla spianatoia.

(altro…)

Fettuccine con burrata, zucchine e pinoli

Ciao gente!
Riprendo il mio racconto dell’ormai storico pranzo familiare del 28 aprile e vi racconto del piatto forte che ha stupito molti, anche la sottoscritta!
Premetto che nei giorni che precedevano il pranzo, a casa mia era in corso una grande consultazione riguardo la scelta dei piatti e il grande dilemma era: pasta al forno o pasta NON al forno???
Per pasta al forno intendevo: lasagne / cannelloni / crespelle con condimento classico o con variante vegetariana, ad esempio, ma poi… alcuni non amano la verdura, altri non mangiano la besciamella né la ricotta e allora perchè impelagarsi nella preparazione di un piatto elaborato come una pasta al forno quando poi è comunque necessario farne due tipologie, per soddisfare tutti i gusti, e considerando che oltre a chi mangia solo un tipo o solo un altro tipo, c’è anche chi mangia tutto(!!!) e che vorrà assaggiare questa e quella… AIUTOOO!!!
Allora, nell’ottica di fornire una buona pasta a tutti e un duplice assaggio ai più golosi mi sono detta: “Ok! Fettuccine fatte in casa e due condimenti!!!”
Dalla mia parte avevo mia zia Marcella che si è detta disponibile a preparare lei le fettuccine – il merito le va riconosciuto! E considerate che in questa preparazione mi ha fatto scuola nel vero senso del termine 😉 – e una tradizione familiare di ragù ormai così ben testata e consolidata, da essere sicura di non lasciare scontento nessuno. Però volevo anche un condimento alternativo, più fresco e leggero.

Ed eccolo qui! Un sughetto facilissimo da preparare per un risultato grandioso!
Dove ho avuto il suggerimento? Eheheh, segreto dello chef! 😉
Ok, ok, lo ammetto, non è farina del mio sacco. Vi posso solo dire che spesso anche i giornalini di cucina che si trovano in edicola non sono poi così male, sapete? 😉

P.S. Scusate, la foto è terribile (il piatto, l’impiattamento e lo scatto), ma non ho avuto il tempo di poter fare di meglio avendo una ventina di parenti affamati da servire! 😀

Per 10 persone
Fettuccine all’uovo q.b.
8 zucchine con il fiore
1 burrata (250-300 g circa)
un po’ di belle foglie di basilico
60 g di pinoli
olio e.v.o.
sale & pepe

Iniziate staccando i fiori dalle zucchine, puliteli, apriteli e teneteli da parte.
Lavate e mondate le zucchine poi una metà tagliatele a rondelle, mettetele in una padella con un po’ d’olio e cuocetele aggiungendo, un po’ di sale e un po’ d’acqua, se necessario per non farle bruciacchiare.
Nel frattempo grattugiate l’altra metà delle zucchine con una grattugia non troppo piccola.
Quindi strizzatele tra le mani e tamponatele per asciugarle un po’.
Mettetele nel frullatore con la burrata, 3 cucchiai dolio, sale, pepe e un po’ di foglie di basilico.
Frullate il tutto.
Cuocete la pasta in abbondante acqua salata.
Spezzettate i fiori di zucchina e metteteli nella padella con le zucchine cotte.
Scolate la pasta e saltatela un minuto in padella con le zucchine e i fiori.
Versate in una ciotola e unite la crema di burrata e zucchine.
Amalgamate il tutto, impiattate, decorate con un po’ di pinoli e servite.
Vi stupirà!

CONSIGLIA Polpette di melanzana